L’inventario – Due poesie dai lunghi auguri collettivi su Carte Sensibili

(c) Nom Kinnear King
(c) Nom Kinnear King

Si sta consolidando, quasi a diventare uso e tradizione, l’appuntamento di Natale con le scritture collettive su Carte Sensibili. L’inventario, costruito in versi e prosa con autori e autrici da tutte le latitudini del Paese, questo Natale è dedicato al nostro tempo. Come il gruppo della redazione del blog descrive, “i nostri occhi e i sensi tutti sono modi per riuscire a vedere l’ampiezza del corpo grandioso che noi tutti siamo ma non vediamo che in parte, parzialmente, perché ciascuno di noi è una piccola particella, col suo kit di universo, di quel corpo e lo percepisce a seconda della sua postazione”. Buona lettura e buone feste serene a tutte e tutti voi.

https://cartesensibili.wordpress.com/2016/12/24/linventario/

Da Storie di mediocre millennio
(silloge inedita)
di Simonetta Sambiase

*

Dire bene che non si finge
né adesso né si divide ogni fuga ostile
l’avessi fatto per te e per il noi
se a tutti dicessi di non sapere
se gli altri stanno o no passando
il caos degli anni,
guasti di metalli, di guerre piccole e anche di grossi sciupi
di ribellioni, di fiamme, di corpi spenti
delle migrazioni
.
pensa ciò che vuoi,
i segni del tutto ci sfuggono

*

Non ci siamo mai chiamati a lungo
a bracci e sogni e nomi
fino ad invecchiare tutti insieme
portando i nipoti e le bambole a passeggiare
estranei nella stessa città che invecchia
leggeremo delle nostre vite sui libri di scuola
coloratissimi, ci diranno che partecipammo ai nostri mali,
domani nulla da dire, chiamandoci a giudizio
eravamo sovrappensiero e lo siamo ancora
dall’uno e dall’altro spiacenti di spalle
schivammo equilibri e fughe e lacrime
durante il fuoco degli uomini e delle foreste d’estate
stavamo a riposo e ora siamo tutti in pace
nelle nostre ceneri mute.

 

 

Annunci

Ricordando Gabriella Maleti

In amorevole memoria.

(c) Cartesensibili.
(c) Cartesensibili.

CARTESENSIBILI

roberto maggiani- esperienza , gabriella maleti

gabriella esperienza

.

.

Gabriella non è solo fotografa, è amica, figlia, sorella. Ci si scambiano le paure…

“…Che posso dirti, sorella? Che pesto i piedi/ e dico no al cielo, alle promiscue nubi che mi rapiranno? / Vorrei chiudere definitamente gli occhi, ora, lasciare/ il mio cane, le mie erbe, ora, con la tua mano nella mia.”

“…Sapessi come, …, vorrei essere su un baroccino/ tirato da una inquieta cavallina nera./ Potremmo essere insieme nel vento/ di marzo, tra campi, alberi e viole,/ lì lì, viole quasi aperte.”

Ora Gabriella, percorso il lungo corridoio con le sorelle verso la luce, è andata oltre su quel baroccino tirato da una inquieta cavallina nera in questo vento di marzo, come sapeva.  La sua macchina fotografica non serve più;  lei già prima vedeva oltre, con la sua immensa umanità e speciale sensibilità. La sua mano  in quella di…

View original post 111 altre parole

MAJDAN, COME UNA PREGHIERA. POESIA RUSSA E UCRAINA PER LA PACE- Simonetta Met Sambiase

La Pace e Venezia. Incontro con Olga Sedakova. Dalla dimora ospitale delle Carte Sensibili

CARTESENSIBILI

majdan-piccola-copia-1.

DOMENICA 29 MARZO A SANT’ELENA
AL CENTRO STUDI DONNE PER LA PACE
A cura de La 7 stanza e di Waves

MAJDAN, COME UNA PREGHIERA. POESIA RUSSA E UCRAINA PER LA PACE

Domenica 29 marzo nel pomeriggio , a cura de ” La Settima Stanza” e di Waves si svolgerà un’iniziativa che vede al centro la più importante poeta russa vivente, Olga Sedakova , oltre all’esposizione di 45 foto dell’artista ucraina Miroslava Besman, mostra che sta girando in varie città di’Italia e d’Europa, su piazza Majdan il giorno della grande manifestazione pacifica
e piena di speranza di poco più di un anno fa.
Lo scopo di questo evento sta in un nostro intento di pace tra Russia e Ucraina nel tramite della poesia e dell’arte: oltre il resto, la stessa era presente a piazza Majdan in quel giorno.e proprio di questo, di quell’esperienza politica e spirituale intende rendere testimonianza.

View original post 326 altre parole

Debito il tempo. Valeria Raimondi – Note di lettura di Simonetta Met Sambiase

Katherine Chang Liu tratto dal blog Carte Sensibili
Katherine Chang Liu tratto dal blog Carte Sensibili

(azzurro troppo azzurro) Debito il tempo di Valeria Raimondi su Carte Sensibili. Buona lettura.

CARTESENSIBILI

katherine chang liu.

Katherine Chang Liu1.

Valeria Raimondi sceglie la parte “femmina” del tempo della nostra vita, mai svolto o passato come segno di stagione stabile, equilibrio di giorni e emozioni. Il suo tempo è un altro: E’ il tempo dei cicloni e dei vortici, sentimentali e razionali insieme, in un ossimoro di passione esatta e crudele raziocino che deraglia verso la pienezza della vita. Le poesie che compongono il libro Debito il tempo (vincitore del premio Eros e Kairos 2014), sono figlie di “uno stupore che si ammanta di abbondanza”; esse sono scritte per accompagnare quel sentimento impossibile da domare di (r)esistere alla vita del cuore, anche quando appare lontana, anche se a volte appare ostile. E’ il debito che nessun tempo paga e va sempre affrontato, in una guerra alla rassegnazione che segna in rosso le sconfitte meritandosi lo stupore dell’’azzurro delle piccole o grandi vittorie. Nella…

View original post 704 altre parole

TAV: A TUTTA VELOCITA’ A VICENZA TRA PALLADIO LA ROTONDA E LA VALLETTA DEL SILENZIO!!

golemfemmina, il golem femmina, Rispondiamo alla chiamata delle Carte Sensibili.
Non è possibile che questo stia diventando il paese del cemento. Ognuno si assuma la responsabilità di non girare la faccia dall’altra parte, una volta persa la terra è persa per sempre!

CARTESENSIBILI

Andrea Palladio- la Rotonda

3_La Rotonda.

Siamo un gruppo di studenti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, iscritti alla facoltà di Conservazione e gestione dei beni e delle attività culturali. Proprio per questo siamo particolarmente attenti e sensibili nei confronti dello scottante progetto dell’alta velocità a Vicenza e delle relative opere complementari. In particolare, desideriamo soffermarci su alcuni aspetti forse sottovalutati: fino ad ora si è parlato di questioni strettamente politiche, economiche, urbanistiche (di certo non irrilevanti) riguardanti la convenienza o meno di quella che ci viene presentata come una grande opera.

 nuovo tribunale di Vicenza

tribunale vicenza

.
Ma al di là della sua discutibile utilità, persona di buon senso dovrebbe chiedersi se sia proprio necessario spargere nuovo cemento nel nostro già deturpato paesaggio quotidiano, con l’unica e opinabile motivazione che tutto ciò serve “a far muovere l’economia”.
.

villa Valmarana ai Nani

Villa_Valmarana-_02.

Abbiamo la fortuna di vivere in una regione dal…

View original post 229 altre parole

Sguardi a occidente da lei a lui un orizzonte- Simonetta Met Sambiase e Gassid Mohammed

Lo sguardo ad Occidente
donna\uomo
bassa\alto
croce\mezzaluna
amica\amico
Paese\luogo
dalla dimora ospitale di Carte Sensibili. Buona lettura.

 

golem femmina

CARTESENSIBILI

jarek kubicki -rumors about angels

jarek kubicki -rumors about angels

.

SGUARDO D’OCCIDENTE – Lei…

la televisione e i programmi di cucina – le librerie che chiudono
la doppia morale – l’ombrellone in cantina
l’indignazione per i fatti di cronaca – il menefreghismo sui diritti civili
i sindacati ammanigliati – i politici tutti corrotti
la saggezza dei vecchi – il suv dei nipoti
la casa pulita – la strada sporca
la cacca del cane nel parco – l’ovetto estraibile nelle city car
piazza Dante, via Dante, largo Dante – piazza Roma, via Roma, largo Roma
i distributori automatici di sigarette – i gratta e vinci dal tabaccaio
la spesa domenicale – le malattie del lunedì mattina
I vicini – la delega alla riunione condominiale
la domenica sportiva – i quotidiani sportivi del lunedì
la messa a Natale – il picnic di Ferragosto
il sottocosto di MediaWord – il nuovo modello dell’Iphone
il parrucchiere al sabato…

View original post 629 altre parole

At speròm- Simonetta Met Sambiase

(c) Sebastian Chillemi. Foto tratta dal blog Carte Sensibili
(c) Sebastian Chillemi. Foto tratta dal blog Carte Sensibili

La prima storia da raccontare nell’Anno Nuovo. Sulla dimora ospitale di Carte Sensibili.

CARTESENSIBILI

sebastian chillemi

sebastian chillemi 028

L’istinto si accorge che qualcuno mi sta aspettando dietro le spalle ben prima che tutta la parte razionale mi spinga a girare gli occhi. Mi muovo di scatto e la vedo, sta proprio attendendo che la riconoscessi, fra gli accessi del parcheggio e l’ascensore.
“Albana – le sorrido – ma allora sei tornata?”
Albana comincia a rispondermi e sovrapponiamo le nostre voci a raffica.
“Si, ho preso un’occasione di un volo di trecento euro, sto qui solo due settimane, mio marito è rimasto a casa ma i miei figli stanno qui”
“Ma sei tornata per restare? Tuo marito ha ritrovato lavoro? Sono contenta di vederti”.
“No, no, ormai siamo tornati lì, non c’è nulla da fare”
“Come sta andando? Sì, intendo, come è andato il ritorno in Albania?”.
“La più grande sta meglio – mi spiega. Poi ferma le parole, sembra voler piangere.

Mi fermo con le domande…

View original post 894 altre parole