Sfarzosi indumenti di parole tese e Salomé donna valorosa. La poesia di Adeena Karasick

salome, adeena karasick, simonetta sambiase, il golem femmina,

SFARZOSI INDUMENTI DI PAROLE TESE
ADEENA KARASICK

Accedere alla parola di Adeena Karasick è un’esperienza quasi percussiva. La scrittura della poeta canadese vive in un’aggiunzione continua di ossimori e metafore innestate nel linguaggio di una cultura sospesa fra la massificazione culturale del quotidiano e le evocazioni di grandi passati sacri e pagani. Un lavoro poetico che sul foglio implode all’interno del sistema simbolico ed evocativo della parole e del soggetto. Che lo destruttura e lo richiama in echi di vortici e di personaggi e sfondi, dove la voce è possente ed è unica guida nel caos di (questo)  mondo che ingloba, graffia, disorienta, scorpora ed infine inghiotte ogni cosa, ogni sensazione, ogni sentimento tra l’inverosimile e il reale.
E’ una tecnica di surplus della parola e del personaggio che da identità ai suoi componimenti. Spoken word e inchiostro:  la voce è dappertutto energia, fra le pagine scritte, nelle rivisitazioni di immagini e di frame, perfino nei micro video dei cellulari: bisogna restare sintonizzati nel mondo e decifrarlo e ricomporlo, usandone tutti i frammenti, in un gioco continuo di rimandi di lingue sciolte da frontiere e linguaggi metrici, i cui attori vengono presi dalla comunicazione mass mediale come dalle alte pagine della  cultura storica fra Mediterraneo ed Occidente. Il soggetto è icona e viene usata come indagine;  un’architettura interpretativa di extratesto e di gioco lessico (“ABBA is rethinking their scansion” e il gruppo musicale pop svedese è passato alla più classica delle formule stilnoviane) . Icone sono Salomé e Calypso che invitano e imbrigliano con una “lingua stuzzicata da sfrontati pasti\territorio di appannato slang catapultato\nell’errore scritto\ compare ”. Icone sono Iehôhānān, Ioannes Baptista, Johnny Angel, Johnny be Good , sempre lo stesso uomo in cui “immergersi, e può essere peccato” o il distratto Ulisse che sta ascoltando la canzone delle Sirene su Spotify. L’imperativo è spesso il modo preferito. La poeta lo usa come verbo diretto dei pensieri e delle azioni (e per certa filosofia i pensieri sono azioni ), chiasmi e paronomasie, eros e isteria, sacro e ironia, e su tutti loro la voce è femmina e ammaliante e non ferma mai il proprio canto. Un’altra via dell’ispirazione è l’indagine sui testi del sacro ebraico. La poesia può confrontarsi con il mistero del sacro e darne un nuovo segno di riconoscimento . La Bibbia, la Kabbalah, per la Karasick sono distanze da slegare, fra labirinti incantati e fari che attraversano le passioni, le grandezze e le cadute dei propri quotidiani, così simili al mito, così difficili da decifrarsi, così necessariamente destrutturabili con il suo linguaggio per tracce e flussi. Ne “La Danza dei sette” il numero sette da immediato riconoscimento di sacralità con l’elenco dei suoi significanti mistici, eppure è nella danza di Salomè che esso viene chiamato a mostrarsi in un’esposizione carica di equivalenze del reale . I “Trentatre nomi di Dio “della Yourcenar erano nella superficie della crosta terrestre, erano essoterici ,”La danza del sette” è esoterica, nascosta nelle cose. Non ci sono vie facili e la parola non offre consolazione ma investe con i sensi e la mente. “Vieni e mitizzami\Mio libro\Esagerata baraonda”. Non c’è via di consolazione ma un legame magnetico ed erotico, un tumulto “emporio” che fa di ogni poesia polifonia e azzardo.

adeena karasick, il golem femmina, simonetta sambiase, met sambiase

SALOME’ DONNA VALOROSA

Il lavoro di “Salomè Donna valorosa” è stato presentato al Tribeca Festiva di New York ed è ora in itinere. Non è la prima volta che la tradizione biblica viene attraversata dalla poesia femminile. Si ricordi ad esempio che Else Lasker-Schüler, nelle sue “Ballate ebraiche” del 1913, dedica uno dei suoi più alti componimenti alla moabita Ruth (“C’è un angelo alla fonte\della mia patria: canta\il canto del mio amore\la canzone di Ruth”) .Ritornando al personaggio di Salomè, esso ha avuto una buona fortuna critica a partire però solo da metà Ottocento. Vale la pena ricordare che la figura di Salomè è una voce minore nel racconto evangelico, appena abbozzata nei racconti di Matteo e Marco, dove non ne viene nemmeno svelato il suo nome. Di lei si apprende che è la giovane figlia di Erodiade, quest’ultima bersaglio delle invettive del profeta Giovanni Battista per la sua condotta licenziosa e il suo matrimonio quasi incestuoso con Erode Antipa, figlio del suo primo marito. La giovane Salomè danza davanti ad Erode e questo vuole compensarne la bravura.  La ragazza chiede allora consiglio alla madre che senza esitare si fa consegnare la testa di colui che sta buttando parole di fuoco su di lei presso il popolo. Da sottolineare che nel testo sacro non c’è nemmeno traccia del tipo di danza che eseguiva la giovinetta. Ma: “Attraverso i secoli, la figura di questa danzatrice adolescente, uno strumento innocente nelle mani di sua madre Erodias, subisce una graduale trasformazione verso una figura di innocenza perduta che si estende fino all’essere la responsabile della morte del Battista. Inoltre, il più disturbante aspetto della storia dal Vangelo alle sue successive versioni, è il potere seduttivo della danza. Forse è una delle arti più antiche, espressione di armonia e vitalità fra l’Uomo e il Cosmo nell’antichità pagana, espressione di peccato in quella cristiana”(AA.VV Depicting Desire. Gender, Sexuality and the Family in Nineteenth Century Europe, 2005).
Salomé arriva fino al Medio Evo, quando nella popolare celebrazione della festa di san Giovanni Battista, si arricchisce la storia biblica con nuovi elementi, così da esaltare la figura del profeta inventando terribili punizioni per la peccatrice. Fino al ‘Seicento, nelle arti visive, la figura di Salomè è associata alla testa del Battista decapitato. Le decollazioni sono molto frequenti nell’iconografia italiana dove, oltre Salomè e Giovanni, non si contano le Giuditte che mostrano la testa del loro Oloferne. C’è chi ha visto un simbolo di castrazione nella decollazione di questo o quel personaggio, lo teniamo in mente per una possibile interpretazione psicanalitica. Andando oltre, si arriva al 1841. In un poemetto satirico in quartine, lo scrittore tedesco Heinrich Heine,” Atta Troll”,fa riapparire Salomè indicandola come incarnazione pre-decadente di famme fatale. “Una trasformazione notevole: non è più l’evangelica fanciulla docile vittima dell’intraprendente Erodiade ma addirittura una Salomè, nel nome e nella sostanza, e vi si introduce anche la passione d’amore fra la danzatrice e il Battista, forse per l’esigenza di fondere la qualità delle due figure femminili”(Nicoletta Campanella, Salomè. Quel che resta di una principessa, 2001).
Dalla fortuna di questo testo comincia la trasformazione simbolica della Salomè contemporanea. Vari letterati e artisti visivi mettono mano al mito e aggiungono nuovi elementi. Gustave Flubert (Herodias, 1877) “Introduce la mitica Salomè decadente, emblema di bellezza femminile dannata, lasciva e terrificante ancella di Eros e Thanatos. Gustave Moreau produce una serie pittorica pervasa da un orientalismo denso fino all’eccesso di decorativismo simbolico. Oscar Wilde nel 1893 la trasforma in un’icona scandalo, la Virago, l’aspetto oscuro e sanguinoso che per tradizione (questa nuova) Salomè ispira, la Ninfa, la Virago” (Eleonora Bairati, Salomé immagini di un mito). Da Wilde in poi Salomè è ormai scandalo nello scandalo, peccato e lussuria, eccetera eccetera. Meno citata in letteratura nell’età post-moderna, è invece più presente nelle rappresentazioni teatrali, con testi che però non si discostano molto dalle presentazioni del passato.
La Salomè di Karasick non è una giovane oscura, è una donna valorosa. E’ raffinata, ha vissuto molta vita e non vuole lasciare condurre il gioco, o meglio la danza, a nessun altro che non sia lei. Come\Come with me\come crowded\Come holy\ (Vieni\Vieni con me\Vieni a folla\ Vieni santo) Le anafore che aprono la lunga canzone di Salomè pulsano di vita, sono intessute di eros e continueranno il loro cammino nella vertiginosa scrittura della poeta canadese, che trasforma la storia in una visione femminista “una prospettiva ebraica e tradotta della sua storia non solo come un racconto di violenza e desidero ma come un capro espiatorio e le nostre preoccupazioni contemporanee sull’erotismo e sulle trasgressioni estetiche, che occupano uno spazio fra l’estraneità e il desiderio” (Adeena Karasick). Quando Salomé incontra il suo Iokhanan gli chiede di non abbassare lo sguardo “Guardami, ti ho baciato la bocca, oh Iokhanan, ho baciato il tuo mito. E sulle tue labbra, il sapore dell’audacia, il sapore dell’amore, l’amore dicono, come merletto disseminato. Ho baciato il tuo mito”. Mai una sola parola silenziosa, mai un passo indietro. “Encore. Encore, Encore. Encore. Encore. D’accord”.

Simonetta Sambiase

*Adeena Karasick è attualmente in Emilia Romagna per un tour di conferenze e poesie. Traducono le sue poesie per le letture Pina Piccolo e Serena Piccoli.
La poeta sarà ospite mercoledì 29 giugno dall‘associazione Exosphere e dal circolo Arci Medardo Rosso di Montecavolo, in collaborazione con il blog culturale de La macchina sognante.

adeena karasick

ADEENA KARASICK

Adeena Karasick è poeta, teorica culturale e autrice di 7 libri di poesia e teoria poetica che
hanno ottenuto grandi elogi da parte della critica . Nata in Canada da una famiglia di emigrati
russi ebrei e residente a New York, è’ attualmente Professore di Teoria della Comunicazione e
dei Media alla Fordham University. La sua scrittura è stata definita “elettricità nella lingua”
capace di eseguire ”una fertilizzazione trasversale tra motti di spirito e conoscenza, teatro e
teoria”. La sua poetica è contraddistinta da un’estetica urbana, ebrea e femminista che sfida
costantemente le modalità normativa di significazione e confonde i confini tra cultura
popolare e discorso accademico. Karasick ha tenuto conferenze e performance in tutto il
mondo, partecipando a numerosissimi festival, simposi, e colloqui telepoetici. Pubblica
regolarmente articoli, recensioni, e dialoghi su poesia contemporanea, e teoria
poetica/culturale e semiotica. Ha prodotto videopoesie e registrazioni delle sue opere che
mettono in luce la radicalità della sua performance.
Vincitrice della MPS Mobile Aaward è conosciuta come “la poeta del cellulare” perché il suo
lavoro è disponibile su dispositivi mobili quali cellulari e smart-phones.
(traduzione di Pina Piccolo)

 

Annunci

Stanze d’albergo – Una lettura del nuovo libro di Angela Siciliano su Vdbd

Dal sito di ViaDelleBelleDonne
una lettura critica del nuovo libro di Angela Siciliano “Stanze d’Albergo”

copertina-stanze-d-albergo-217x300

noi siamo ancora lì dove le cose sono rimaste come erano. Ad arredare il nostro dentro da Stanze d’albergo Stanze d’albergo di Angela Siciliano é un libro à rebours di resa nostalgica e…

Sorgente: Stanze d’albergo – Una lettura del nuovo libro di Angela Siciliano

Lucia Guidorizzi recensisce Or-dite- dal blog di Serena Piccoli

per gentile concessione di Serena Piccoli, riporto integralmente l’intensa riflessione e la lettura critica di Lucia Guidorizzi al libro “Or-dite!Trame d’arte contro la violenza sulle donne” pubblicata oggi nel blog

http://serenapiccoli.blogspot.it/2016/06/lucia-guidorizzi-recensisce-or.html?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook

 

il golem femmina

Lucia Guidorizzi recensisce “Or-dite!Trame d’arte contro la violenza sulle donne”

San Paolo e le zie

“ Non concedo a nessuna donna di insegnare né di dettare legge all’uomo; piuttosto, se ne stia in atteggiamento tranquillo.” San Paolo, Epistola a Timoteo

“ Voi, mogli, state sottomesse ai mariti, come si conviene nel Signore.” San Paolo, Epistola ai Colossesi

“E infatti, non l’uomo deriva dalla donna, ma la donna dall’uomo; né l’uomo fu creato per la donna, ma la donna per l’uomo.” San Paolo, Epistola ai Corinzi

L’anima alle donne venne concessa solo nel 585 D.C. da Gregorio di Tours durante il Concilio di Macon. Prima, queste si potevano tranquillamente e legittimamente vendere, uccidere, affittare.
In Italia solo nel 1946 viene concesso loro il diritto di voto e solo nel 1981 vengono abrogati il delitto d’onore e il matrimonio riparatore.

Oggi lo stillicidio continuo di morti e violenze nei confronti delle donne rivela però che c’è ancora molta strada da compiere.

E questa strada bisogna compierla uniti, uomini e donne insieme lucidamente consapevoli degli aspetti striscianti e meno evidenti di questa tragedia collettiva.

Ogni volta che una donna fa un passo per scrollarsi di dosso il giogo di una realtà in cui non si riconosce, in cui si sente umiliata e offesa, sente dentro di lei una vocina, magari quella di una vecchia zia che le dice “Porta pazienza, sopporta, il tuo uomo non è peggiore di tanti altri, se ti ha mancato di rispetto ciò è accaduto solo perché era stanco, nervoso, c’è di peggio a questo mondo.” E allora la donna stringe i denti, chiude gli occhi e tira dritta, per amore del quieto vivere, ma qualcosa si spegne per sempre in lei.

La bellissima antologia curata da Serena Piccoli, “Or-dite! Trame d’Arte contro la violenza sulle donne” raccoglie testi in poesia, in prosa e teatrali che investigano sugli strappi e sulle lacerazioni del vivere, sull’omertà che si crea intorno a queste ferite, sulla “banalità del male” che porta tante donne ad essere quotidianamente uccise da uomini che le considerano “cose” da distruggere qualora non corrispondano alle aspettative richieste.

Serena Piccoli, insieme ad amiche ed amici accomunati dalla passione per la scrittura, disseziona gli stereotipi e i condizionamenti della società, della famiglia e delle relazioni, che concorrono e creare i presupposti di questa violenza quotidiana.

Nel monologo teatrale“Non ne usciamo vive” Serena dice:

“Il mio parroco mi diceva che noi donne siamo nate da una costola di Adamo, siamo subalterne per natura biologica e religiosa.
Mia nonna mi diceva: ama l’uomo tuo coi vizi suoi. Sii fedele sempre, a prescindere da come ti tratta.
Mio nonno mi diceva che la donna è stata creata per accudire marito, casa, figli, non occorre che lavori.
Mia madre mi diceva che la donna è più brava ad accudire i figli perché più sensibile, materna e calorosa.
Mio padre mi diceva che era grave che non sapessi cucinare, come avrei fatto durante il matrimonio?
Il mio primo ragazzo mi diceva che dovevo fare la donna vera. Non sapevo ci fosse una donna vera e una falsa.
La mia amica mi diceva che noi donne istighiamo violenza negli uomini.”
In questo testo, l’autrice riesce a cogliere con sguardo acuto tutte le modalità per cui donne si diventa al punto tale da doverne morire.
Quando una donna rinuncia a se stessa, per compiacere un uomo per cui lei non sarà mai abbastanza, si sentirà sempre e comunque inadeguata, nonostante tutte le storture dell’anima che si autoinfligge per accontentarlo. Annientandosi in nome dell’amato, diviene simile alle dame dai piedi di giglio dell’antica Cina, storpia e debole, incapace di reggersi sulle proprie gambe.
A volte, per assecondare la vocina della zia che le consiglia di essere una buona compagna accondiscendente, si nasconde dietro ad un paio di occhiali da sole, per non far vedere che ha pianto e va a fare la spesa come se niente fosse, mentre continua a bruciare in un quotidiano inferno, e nessuno si accorge di nulla.
L’infelicità di questa donna destinata a soccombere la racconta Francesco Sassetto, con uno sguardo sgomento e disincantato sulla tragedia di un’ennesima donna uccisa, nella sua poesia “Stefania”
“Poi sul giornale, a pagina piena, la meraviglia,
il dolore di amici e parenti, le testimonianze,
le dichiarazioni, il pianto unanime dopo il massacro
senza alcuna ragione.
Senza spiegazione.
Due foto a colori, le foto del prima e del dopo e
un poliziotto che stende il verbale, le stesse parole.
Non l’avevi davvero capito, Stefania,
il suo grande amore.”
Ma il dolore cresce, si amplifica e macchia il senso del proprio valore di persona, di soggetto vivo ed in grado di agire nel mondo come scrive Simonetta Sambiase in “Paronomasia”
Questo dolore mi ustiona
mi abusa mi profana
e si amplifica allo sgocciolare da ogni invasione
dentro
fuori
nel corpo
Questa dissoluzione del corpo, del Sé corporeo, è prodotta dalla violenza e dalla mancanza di rispetto per il femminile, che produce nella donna atteggiamenti improntati ad una profonda insicurezza e disistima che sfocia in comportamenti autolesionistici come ci racconta una poesia di Clery Celeste che segue
Si aspetta lo spazio libero della serratura,
quando la casa è lenzuola pulite
il vuoto e la pace senza il pesonei suoi confronti
e l’affanno delle colpe, cercare
i miei resti sotto al letto.
Su ogni cosa con cui mi hai colpito
rimango e poco a poco mi disgrego.
L’alterità irriducibile della donna quindi diviene contrassegno delle persecuzioni che durano da millenni. Eppure, Giorgia Monti auspica nella poesia che segue un nuovo mondo in cui non ci si debba sottomettere, non essere dominati, ma neppure dominare.
Nella pienezza del giorno nuovo
s’infrangeranno le parole
servite a niente
e saranno specchi
per la memoria.
Il mio amico qui
si è appena spolpato
l’ultima fetta di sarcasmo.
Con le mie ho già cucito il sacco
per le tue budella.
Questa antologia, affronta molti temi e problemi con i quali la maggior parte delle persone evita di confrontarsi poiché incarnano scomode verità. Pertanto non si può che essere profondamente grati a Serena Piccoli per essersi fatta carico di questa coraggiosa dissezione dei meandri più oscuri dell’anima umana, spesso avvolti nella reticenza.
Solo la parola può sfondare lo spesso muro dell’indifferenza e ricamare nuovi mondi liberi.

Lucia Guidorizzi

ordite, Lucia Guidorizzi Altro caffé (2)

Lucia Guidorizzi declama sue poesie al Bologna in Lettere 2016

 

Ringrazio Lucia (amica e poeta) per questa recensione dove ogni paragrafo è un fendete alla cultura sessista patriarcale.

Altre splendide recensioni a Or-dite! le trovate qui (grazie a Lucianna Argentino e Cristina Bove):
https://viadellebelledonne.wordpress.com/2016/05/28/or-dite-una-recensione-di-lucianna-argentino/
https://metsambiase.wordpress.com/2015/11/27/or-dite-suggestioni-di-cristina-bove-sullantologia-contro-la-violenza-sulle-donne/
Il libro lo potete richiedere a exosphere@virgilio.it, costa 7 euro e ve lo spediscono a casa. E’ edito dall’Associazione Exosphere di Reggio Emilia, associazione creata da 3 grandi donne e scrittrici: Simonetta Sambiase, Gabriella Gianfelici e Federica Galetto. Le loro attività sono tutte a favore delle donne, dell’uguaglianza, della pace, contro qualsiasi odio e intolleranza. Comprare il libro è anche un modo per sostenere le loro nobili iniziative.
Di violenza sulle donne bisogna parlare parlare parlare e ancora parlare.

Di neve e sogni. Le poesie di Elina Miticocchio su Viadellebelledonne

suzy-scarborough
(c) Suzy Scarborough

Il mondo si ferma certi mattini

riesci a riconoscere il cristallo
ritrovi i tuoi occhi di neve
e sogni, fai sogni

sogni di bambini ti raggiungono
gemme del tuo albero
amore che percorre le dita

ti fa scrivere del vento
del viaggio che impari
camminando in cerchio

la stanza si fa cielo
e arca per raccoglierti

(inedito di Elina Miticocchio)

 

 

Se c’è mai un’evocazione verso la natura e il suo tempo umano essa è leggera come la neve e i sogni. La “via regia” di Elina Miticocchio è fatta di battiti lenti e sussurrati…

Sorgente: Di neve e sogni. Le poesie di Elina Miticocchio

Per diritto di voto – 4 giugno a Reggio Emilia

Diritto è un sostantivo derivato dal latino  “diréctum” (ciò che è retto , ciò che a ciascuno spetta). Nel nostro Paese, il diritto al voto per tutti i cittadini e le cittadine senza distinzione di classe sociale o di genere ha appena 70 anni.  La rettitudine ha appena il bianco sui capelli, insomma. Sul tema, continuano gli appuntamenti nella città del Tricolore e sabato tocca alle associazioni culturali di Eutopia e Exosphere compilare un pomeriggio di impegno e testimonianze. “Per diritto di voto” si terrà sabato pomeriggio nel piccolo gazebo del parco di villa Cougnet, la biblioteca comunale, e vedrà anche la presenza di poeti e poete da tutta la via Emilia per leggere versi fra bellezza e impegno. Siateci.