Una suite di apparenze – Una poesia di Mark Strand, tre foto di Carmelo Di Giorgio

(c) Carmelo Di Giorgio
(c) Carmelo Di Giorgio

 

UNA SUITE DI APPARENZE

In un altro tempo, vorremmo sapere che aspetto avesse la Terra

allora, e se le persone erano come noi adesso. In un altro tempo,

le testimonianze che ci hanno lasciato ci convinceranno che siamo immutati

 

e che ci troveremmo bene nel passato, non solo nel presente.

E ne saremo compiaciuti. Ma al di là di questo, quel che non si può

Vedere o spiegare sarà sempre altrove, sempre presunto,

 

invisibile anche sotto i segni – la bella superficie,

la conoscenza fuori del comune – che lo indicano. In un altro tempo,

quel che non si può vedere ci delineerà, e saremo indotti

 

a dire che il linguaggio è errore, e che con il rappresentarlo

si fa torto ad ogni cosa. Il sé, diremo, non può mai essere

visto con un travestimento, né mai esser visto senza.

Mark Strand 

 

da L’INIZIO DI UNA SEDIA

© Donzelli editore.

(c) Carmelo di Giorgio
(c) Carmelo di Giorgio
(c) Carmelo Di Giorgio
(c) Carmelo Di Giorgio
Annunci

2 pensieri su “Una suite di apparenze – Una poesia di Mark Strand, tre foto di Carmelo Di Giorgio

  1. Grazie di cuore Met per aver inserito le mie foto in questo splendido contesto che è il tuo blog. Potente ed evocativa la poesia di Strand. Penso al concetto di varco, di soglia tra conscio e inconscio…..una suite di apparenze, la suite dell’esistenza stessa.
    Potente la Poesia.
    Grazie Met.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...