Elena Cesari – Poesia giovane da Bologna in poi…

Senza indizi nè profumo di rose

 

 

La poesia di Elena Cesari l’ho incontrata da poco, in una lettura collettiva a Bologna qualche mese fa, alla Libreria delle donne. Proprio in questo luogo, Elena domani presenterà l’intera raccolta, alle ore 17.30, presentata da Pina Piccolo, che ben sottolinea la forza , lo spessore e anche la freschezza della voce della giovane poeta. Vi invito a leggere in anteprima alcune delle sue poesie e soprattutto, vi invito ad ascoltarla alla sua presentazione.

(c) Yellena James
(c) Yellena James

Senza indizi nè profumo di rose

(Inedito)

Gli abiti buoni
Un’osservazione, un ritmo
da cui non so
se sarò scacciata o no
dal gesto preciso della mano
appesa o no, come un calendario
al muro.
Un raggio, un’ipotesi
da cui non so
se sarò circondata o no
dal compasso rovesciato,
sbalzata fuori o no, come l’attimo
dal cerchio di vetro.
Un’altura allora,
disponibile sul ciglio la tenerezza
di questo mio scrivere
in cui si illuminano oblò,
da cui il tuo viso è steso ad asciugare
dal gesto preciso della mano.

C’è aria traforata, quasi mistica,
e non so, svoltando l’angolo
quando sarò guarita,
rinfrescata come una certezza
o sorriso come guanto
aperto.
C’è che il mio crescere di domande
mi investe, mi interpella
dietro i denti, fra le sbarre
e il remare della lingua contro
gli scogli come sudate
guance contro me e contro te ho la
voce spezzata,
accetto che il silenzio mi abbia
alla deriva.

L’oggi sorge di fronte
a un suono mancante dove
mi perpetua
un eco al mio stare con agio
in un alfabeto
residuo, confuso
al sacco dei lustrini tristi.
E perpetui barbagli, perpetui
autunni di primavere ceche,
mentre di corsa
ad un tempo senza arresa si
saltano gli spigoli, ripetono
gli strappi ignoranti di
piedi
come il mio stare
in quest’ulcera, una
davanti all’altra, ardendo
di fronte alle febbri.

Qui è la calce viva,
le ossa scartate alla polvere,
il magma e il dubbio delle due
di notte, resistendo alle acque
unite nelle due nere degli
occhi. Qui il nome
che avevo come il tuo
confuso nell’alto del palato
caramellato
e fatto sciogliere con l’ultima
neve dell’anno.

Contro te e contro le lettere
mi preparo in fila, stendo gli abiti buoni
a ricevere il bianco,
le carrozze e con l’ultima
mi stacco
dal fondo
se mai saprò
da dove arrivo.

DALLA RACCOLTA

UNA VIOLA, UNA PIGNA, UN’OMBRA

Nudo per signora

 

Ritratto;

parete nuda.

 

Pausa;

respiro.

 

C’è l’alito caldo di chi manca

e il disordinato vuoto di chi resta.

 

Un bagliore tremolante;

una notturna infinità di paure

che rassicura

 

Accoccolami i pensieri sospesi

nel cono d’ombra della fronte.

 

Pettinami le ardite spine

tra le braccia del castagno perenne

 

Adagiami i capezzoli

in nidi improvvisati di lavanda

 

e, ti prego,

paga tu

la commozione dimenticata sotto la tazzina.

 

 

 

LE VIOLE

 

Lo scroscio di questo silenzio,

l’ammutolirsi delle canne

 

il polso trasparente

e l’interdetto sguardo.

 

‘Tu’,

che mastico lentamente fra le labbra

come un’avemaria sussurrata

 

tu,

di cui non conosco che brandelli di sogno

su cui ogni notte inciampo.

 

Tu

sulla pagina bianca solo

un piccolo “tu”

come cactus spinoso in mezzo al deserto

o nera terra avvistata dal mare.

 

Tu

non capiti per miracolo

né succedi come fanno

il temporale e lo starnuto.

 

In territori insensati,

in bocche socchiuse

nell’inerzia del sole

 

si adagiano coppie sfinite di lettere.

 

Ad ogni umana resa

sbocciano le viole.

 

(c) Elena Cesari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

2 pensieri su “Elena Cesari – Poesia giovane da Bologna in poi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...