SCOSSA AD UN CHILO DI CILIEGIE

… una ciliegia rossa era la tua bocca (Cettina Lascia Cirinnà)

 

 

 

 

 

Nel rosso

sono sanguinose pavane.

Ascoltale di giugno,

sulla vecchia strada cuntadena

palle dolci, rampini, ciliegie,

si rinchiudono

in un peso innocente all’ora ma

delibarle su una sedia zoppia

come uno stato di dolore, mi scuote.

 

Non si negano le stagioni

tuttavia si rimpoverano, in quelle terre

i figli masticano a misura

le crepe scampanano

le falde ossificano

a volte, la terra è guerrafondaia

ignominia la raccolta

da ciò che attende la crescita  a Vignola.

Annunci

Inediti su The Cats Will Know

ARCHEOLOGIA UMANA

(foto di Rafael Navarro)

(I)

Con torsione

avvitava il fiato

nei campanelli

e concentrica, ai cinque anelli

di Atlantide le sue malesistenze

s’insuffavano di buio

e quando la depressione l’affossava

e tanto la fossa le colmava il derma

si dissacrava, da ogni Altro

e nel sempre,  tornava a vivere

in Orizzonte.

E lei lo chiamava a sé cambiandogli nome

-Apocalisse, trattami bene-

gli diceva scuotendogli le gambe.

thecatswillknow2012.wordpress.com/

nda

Ringrazio I Gatti per avermi chiesto di miagolare insieme.

(VI) TOCCATA E FUGA – GLI INEDITI

Lei è sì la casa

il giunto

l’orfana

lo scalpore pieno

la radiazione del cielo

l’enigma del punto di fuga

verso l’Altra

ma il derma la rivela

acronimo svergognato di se stessa

Lui, la corteccia

il dominio dei sensi

soprattutto la vista

safena imprevista

che s’insabbia

compañeros ogni colore di vita

filtra e saccheggia

lo spazio come un dattero

cresciuto pertuso felice nella bocca

  (ndt. compañeros , amici

pertuso, buco)

http://poesia.blog.rainews24.it/2012/04/29/opere-inedite-meth-sambiase/