(foto di Anna Serrato)

L’APPRODO

 

E’ gia scritto

nel lento tornare

verso gli approdi dove non è mai arrivo

il termine corretto del navigare.

Le rive si sfaldano come unghie

a cui manchi il calcio e le striature

sono parallele allo sfoltio dei pensieri

ricolmo di anima e di giorni

che son stati belli e senza danno.

La gioia scricchiolava sotto

era già anniversario la memoria,

messinscena con cuori colorati

che scendevano senza forma

come frutteti in amore.

 

Non è scritto?

Si attenderà ancora alla banchina

allora, mettendosi in quel nuovo conto

e quanti eclissi e pleniluni

vivranno nei secoli di quest’attesa.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...